A selection of my works for Radio Radicale​

Since 2013 I host a 30 mins weekly radio show called "FaiNotizia", while developing and editing radio series on various topic: Politics, Exploitation, Labour market, Justice system, LGBTIQ+ rights, and Migration, among others.

copertina-fainotizia-locale.png
VIAGGIO TRA I CATTOLICI LGBT+

(di Daniela Sala ed Eleonora Vio)

Invisibili, spesso emarginati, sono in prima linea nella lotta per una Chiesa più inclusiva.

Chi sono i cattolici LGBT+? La "questione omosessuale" è una vertenza secolare nel mondo cristiano.

Nonostante la Chiesa sia tuttora piuttosto ferma nelle sue rigide posizioni dogmatiche verso relazioni tra persone dello stesso sesso, qualcosa sta cambiando.

E ciò soprattutto grazie ai giovani omosessuali, ai loro genitori e a tutti quegli operatori pastorali che ne accettano e accolgono le diversità.

La prima di una serie di tre puntate alla scoperta del mondo dei cattolici LGBT.

Partiamo da Milano per conoscere i giovani del gruppo Il Guado e del progetto, che seguiremo in un ritiro a Cascina San Boezio seguirli in un ritiro.

CHI HA PAURA DEI MATTI?

(di Maria Gabriella Lanza e Daniela Sala)

 

Complice un sistema di cura non adeguato e una comunicazione sul tema troppo spesso sensazionalistica, nel quotidiano che i cosiddetti "utenti psichiatrici" continuano a vedersela con l'isolamento, la disoccupazione permanente, gli effetti di farmaci prescritti spesso alla leggera.

In questa serie di tre approfondimenti affronteremo i vari aspetti legati allo stigma della malattia mentale, dalla difficoltà nel trovare un lavoro, o ad abitare per conto proprio, ai pregiudizi a cui si trovano di fronte anche i parenti di chi ha un disturbo psichiatrico.

E lo faremo dando voce a chi in prima persone ne subisce le conseguenze, ma anche a chi lotta per cambiare le cose.
 

NON CHIAMATELE MORTI BIANCHE

Quasi 700 morti ogni anno.

Perché in Italia si continua, come prima e - forse più di prima - a morire di lavoro? La ripresa economica, lavoratori sempre più anziani, formazione insufficiente, pochi controlli: tante spiegazioni, e un problema complesso.
Urgente.


"Non chiamatele morti bianche" è una serie di quattro approfondimenti di con cui abbiamo cercato di rispondere ad alcune di queste domande.

In Libano l’articolo 534 del codice penale vieta l’omosessualità punisce "qualunque atto sessuale contro natura", con pene fino ad un anno di prigione.

Ma non per questo gli attivisti LGBTIQ+ e la comunità LGBTI non si lasciano scoraggiare.

Il reportage da Beirut con le interviste a Genwa Samhat, attivista e fondatrice di Helem; Mahdy Charafeddin, di Afe, Arab foundation for freedom and equality; Neela Ghoshal e Bassam Khawaja di Human Rights Watch. 

FUORI DAL SILENZIO: RIFUGIATI E VIOLENZA DI GENERE

Il reportage dalla Giordania sull’aumento della violenza di genere tra i rifugiati siriani e iracheni.

Abbiamo visitato tra gli altri il Centro di collateral repair project che da qualche tempo ha avviato alcuni corsi di formazione sulla violenza di genere che si rivolgono sia agli uomini che alle donne.

Nel tentativo di capire le cause della violenza e soprattutto il supporto che può essere offerto alle donne che ne sono vittima abbiamo inoltre incontrato e intervistato alcuni membri Justice Center for Legal Aid, una ong giordana che si occupa di assistenza legale alle personevulnerabili.

Per cercare di capire poi le implicazioni psicologiche di questo tipo di violenza abbiamo inoltre visitato un centro di supporto psico-sociale gestito da Medici Senza Frontiere.

Mentre l'ultima tappa del nostro reportage è il quartiere di Al Hussein, ad Amman, dove abbiamo visitato il centro dell’Unione delle donne giordane.